L’islandese che sapeva raccontare storie

17,00

Titolo: L’islandese che sapeva raccontare storie
Editore: Iperborea
Pagine: 160
Data di pubblicazione: febbraio 2024

Descrizione

La letteratura medievale islandese, fenomeno letterario unico per originalità, vastità e ricchezza nel contesto europeo, fiorisce in Islanda a partire dal XII secolo. Un affascinante patrimonio solo in minima parte accessibile al pubblico italiano.

Nell’assetto politico dell’Europa medievale l’Islanda è l’unico paese a non avere una monarchia, ma i rapporti con Norvegia, Svezia, Danimarca e Inghilterra richiedono notevoli doti di savoir faire per sapersi gestire alla corte dei sovrani. Astuti, ostinati, ambiziosi, poco socievoli, pagani o convertiti, ma sempre abili narratori oppure poeti raffinati, anche un po’ sfacciati e sempre pieni di iniziative originali: così risultano gli islandesi a corte nei þættir di questa raccolta, inediti in Italia, rigorosamente anonimi, nati come tanti spin-off dalle Saghe dei re norvegesi. Lazzi, screzi, scambi di battute, richieste di consigli e addirittura sostegni psicologici contro la depressione sono il fulcro di questi godibilissimi racconti, accomunati da uno straordinario gusto per il novellare: gli islandesi sono abili con le parole, e non c’è sovrano che non apprezzi le loro doti. L’importante, alla fine, è avere salva la pelle, dimostrare il proprio valore e la propria lealtà, conquistandosi la stima, l’amicizia e la benevolenza del sovrano di turno e riportando a casa fama e onore. Non mancano episodi comici e di commedia, quasi fossero una versione nordica dei racconti di Boccaccio.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Ti potrebbe interessare…